Nella lotta al Covid19 la catena della solidarietà non si ferma e grazie al Servizio Assistenza Civile del V.E.O.S.P.S.S., il Comune di Assisi può contare su un nuovo stock di test rapidi antigenici da destinare alle persone bisognose.
“Ne faremo un buon uso condiviso per chi ne ha più bisogno – commenta il Sindaco di Assisi Stefania Proietti – in questo momento siamo tutti più fragili e potenzialmente a rischio ma i bisognosi sono coloro che hanno più necessità di essere aiutati e tutelati: insieme possiamo superare questo momento estremamente difficile”.
La donazione al Comune di Assisi nasce dalla generosità di chi ha partecipato e promosso la campagna “Phoenix 2 – Mettiamo all’angolo il Covid” organizzata dal V.E.O.S.P.S.S., in collaborazione con la società italiana di ricerca medico-scientifica Diapath S.p.A.
Oltre ai test rapidi antigenici, il S.A.C. ha anche donato al Comune tre scatole di maschere protettive EN14682 Type IIR, così come consigliate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità.
“Siamo vicini alle persone deboli, a tutti coloro che non hanno la possibilità di avere qualcuno vicino che lo possa aiutare – ha dichiarato il responsabile S.A.C. dell’Umbria, Ten. Francesco Pellovini -. Proprio grazie ai tamponi rapidi potremo permettere ad una persona a rischio di vedere finalmente un proprio caro e per noi questo è una grande soddisfazione, lottiamo per il prossimo, sul campo”.
Già durante la prima fase della pandemia l’Ordine aveva consegnato al Comune di Assisi centinaia di maschere protettive di tipo FFP2, dimostrando un forte legame con la città.
“Siamo vicini ad Assisi, luogo legato da secoli di storia all’Ordine, poiché rappresenta quello che è la fraternità nel Mondo – commenta in una nota ufficiale la Segreteria del V.E.O.S.P.S.S. -, una rappresentanza molto alta dell’umanità e di quello che possiamo fare con le nostre buone azioni”.