20 C
Rome
lunedì, Settembre 21, 2020

La nascita dei Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis

Dal 1098 al 1147

Nel 1115, Bernard de Fontaine-les-Dijon, Monaco dell’Abbazia di Cîteaux e discepolo di Stephen Harding, fondò, sulle terre di Hugues I de Champagne, l’Abbazia di Clairvaux, assumendo il titolo di Abate.
Appena nominato Abate, Bernard ricevette dal suo superiore Stephen Harding l’incarico di studiare un modo per consentire ai monaci cistercensi di potersi armare e difendersi.
Sino a quel momento, i monaci cistercensi erano oratores e laboratores, ossia pregavano e lavoravano, ma i tempi richiedevano la possibilità, almeno per alcuni, di difendersi anche con le armi.
Per poter consentire anche ai monaci cistercensi di difendersi, Bernard ebbe l’intuizione di affiancare all’ordine monastico-religioso un ordine monastico-laico, nel quale, oltre ai laici, potessero anche confluire i monaci.
I membri di questi nuovo ordine avrebbero avuto così la triplice caratteristica di essere oratores, laboratores e bellatores, potendo quindi difendersi e combattere.
Così, seguendo le indicazioni di Bernard de Clairvaux e di Stephen Harding, tre anni più tardi, nel 1118, otto Chevaliers du Temple de Jerusalem, Hugues de Payns, Godfrey de Saint Omer, André de Montbard (zio di San Bernardo), Archambaud de Saint-Aignan, Nivar de Mondidier, Geoffroy Bisol, Gondemar de Savignac e Rossal Timbaud, mutarono il nome dell’Ordine Chevaliers du Temple de Jerusalem in Pauperes Commilitones Christi Templique Salomonis (detto anche Paupera Militia Christi o Ordo Templi Hierosolymitani) e venne nominato Maestro Generale Hugues de Payns.
I membri dell’Ordine indossarono il saio bianco dei Monaci cistercensi con il mantello, anch’esso di colore bianco: per questo motivo saranno sempre conosciuti con l’appellativo di Cavalieri Bianchi; inoltre, questi nuovi monaci-laici ebbero il diritto di portare la spada.
La nascita dell’ordine si colloca nel bel mezzo delle guerre tra forze cristiane e islamiche, scoppiate dopo la prima crociata indetta nel 1096.
In quell’epoca le strade della Terrasanta erano percorse da pellegrini provenienti da tutta Europa, che venivano spesso assaliti e depredati; uno dei primi compiti dell’Ordine del Tempio fu proprio quello di proteggere i pellegrini che si recavano in Terrasanta.
Sotto l’egida di Bernard de Clairvaux, l’Ordine diventò ufficialmente il braccio cavalleresco dei Monaci cistercensi.
Nel 1128, durante il Concilio di Troyes, Papa Onorio II approvò la prima Regola dell’Ordine, la Regola Primitiva, mentre, sempre durante il Concilio, i Cavalieri adottarono il motto “Non nobis Domine, non nobis, sed nomini Tuo da gloriam” (Non a noi Signore, non a noi, ma al nome Tuo da gloria).

Translate »